Cantina GIardino

Irpinia, Campania, Italia

Nella storia del vino naturale italiano

Il viaggio di Antonio, Daniela e gli altri soci e lavoratori di Cantina Giardino inizia formalmente nel 2013, dopo diversi anni di sperimentazioni con una direzione chiara sin da subito: le fermentazioni sempre spontanee, il minimo intervento in tutte le fasi, in vigna e in cantina. L'Aglianico rappresenta il primo vitigno vinificato, e il più rappresentato oggi tra i prodotti di Cantina Giardino.

La sperimentazione non si è però interrotta, introducendo un contenitore nuovo per la zona, l'anfora: realizzate con l'argilla del luogo, quella su cui le vigne crescono e si sviluppano, oggi rappresenta un importante traccia nella produzione dell'azienda, con ben 4 vini fermentati e affinati in questa tipologia di contenitore, rossi, bianchi e rosati. 

I vini sono tanti, e tutti speciali. Ma per non farsi mancare nulla, Antonio e Daniela hanno iniziato un progetto speciale con Cantillon, a cui conferiscono il mosto di Sophia e Drogone per ottenere una lambic unica, e a tiratura limitatissima

Cantina Giardino